ITALIA – MISE – Contributi per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle imprese italiane

UN PARTNER DI VALORE PER LE IMPRESE

ITALIA – MISE – Contributi per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale delle imprese italiane

10 Maggio 2022 Senza categoria 0
innovazione

Questa pagina mostra un’anticipazione di un bando che verrà pubblicato ma del quale non sono ancora disponibili riferimenti ufficiali. Pertanto, l’assenza dei pulsanti con link alla documentazione o di altri dettagli è dovuta a questo motivo e sarà colmata via via che verranno rilasciate maggiori informazioni.

La sintesi di Value Si:

Settori: Agricoltura, Artigianato, Industria, Trasporti

  • Settori: Agricoltura, Artigianato, Industria, Trasporti
  • Territorio: Tutto il territorio italiano
  • Destinatari: Associazioni/Onlus/Consorzi, Grande impresa, PMI e Micro Imprese
  • Tipologia di aiuto: Contributo a fondo perduto
  • Investimenti spesati: Assunzioni e Personale, Attrezzature e Macchinari, Consulenze/Servizi, Marchi, brevetti e design, Marketing, Ricerca e Sviluppo / Innovazione
  • Data di apertura: Data e ora di apertura ancora non ufficializzata
  • Data di scadenza: Non disponibile
  • Complessità: Complessa

Riassunto dell’opportunità:

Descrizione

Il fine del presente Avviso è di promuovere relazioni più strette tra la comunità dei ricercatori e l’industria, in modo da conseguire una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva nell´Unione europea e di sostenere la valorizzazione economica dell´innovazione sull´intero territorio nazionale attraverso la sperimentazione e l’adozione di soluzioni innovative di alto profilo.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni i seguenti soggetti:

  • le imprese che esercitano attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi e/o attività di trasporto per terra, per acqua o per aria, ivi comprese le imprese artigiane;
  • le imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;
  • le imprese che esercitano le attività ausiliarie in favore delle imprese di cui alle lettere a) e b); i centri di ricerca.

I soggetti potranno presentare progetti anche congiuntamente tra loro o con organismi di ricerca.

Entità e forma dell’agevolazione

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo diretto alla spesa, per una percentuale nominale dei costi e delle spese ammissibili articolata come segue:

L’importo massimo dell´agevolazione concessa è di euro 2.500.000,00. Non sono ammessi i titoli di spesa il cui importo sia inferiore a 500,00 euro.

  • per il bando di Innovations actions:
    • 20% per le imprese di grande dimensione; 30% per le PMI;
    • 35% per gli organismi di ricerca;
  • per i bandi RIA, IA focus topic 1, RIA focus topic 1; 25% per le imprese di grande dimensione:
    • 35% per le PMI;
    • 35% per gli organismi di ricerca.

Sono destinati al cofinanziamento dei progetti delle imprese italiane selezionati nei bandi emanati nel corso del 2021 da KDT JU-Innovation actions (IA) e Research innovation actions (RIA), euro 10.000.000,00. Il Mise destinerà almeno il 40% delle risorse ai beneficiari delle regioni del Mezzogiorno.

Attività finanziabili e Spese ammissibili

I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, strettamente connesse tra di loro in relazione agli obiettivi specifici previsti nei singoli bandi emanati dalla KDT JU, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti o processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali, riportate nell’allegato 1 al decreto.

Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente decreto le spese e i costi relativi:

  • al personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione con contratto a progetto, con contratto di somministrazione di lavoro;
  • agli strumenti ed alle attrezzature di nuova fabbricazione;
  • ai servizi di consulenza e agli altri servizi utilizzati per l´attività del progetto di ricerca e sviluppo, inclusa l’acquisizione o l´ottenimento in licenza dei risultati di ricerca, dei brevetti e del know-how;
  • alle spese generali, ivi comprese le spese per comunicazione e disseminazione dei risultati;
  • ai materiali utilizzati per lo svolgimento del progetto.

I termini e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione saranno definite dal Ministero con successivo provvedimento direttoriale congiunto della Direzione generale per le tecnologie delle comunicazioni e la sicurezza informatica (DGTCSI) e della Direzione generale per gli incentivi alle imprese (DGIAI).

Rispondi